Pittura | Settecento | Paolo Anesi | Capriccio con Colosseo | Descrizione opera

74 x 47 cm
Olio su tela


Scheda opera

Capriccio con Colosseo

Paolo Anesi

Il soggetto

Il termine Capriccio in pittura vuole indicare una composizione paesaggistica di tipo fantasioso, in cui monumenti realmente esistenti o addirittura di rilevante importanza (come in questo caso il Colosseo) vengono inseriti in un contesto del tutto immaginario, senza alcun riscontro geografico reale, seguendo solamente la creatività dell’artista, al fine di creare un paesaggio ideale, col solo scopo di deliziare la vista dell’osservatore, senza ambire ad alcun proposito colto.

Una scenografia ideale dove potersi perdere con l’immaginazione.


Il dipinto

L’assetto compositivo di questo paesaggio è composto dagli elementi formali tipici che ben caratterizzano tutte le opere di Paolo Anesi : i due possenti alberi in primo piano fungono da quinta scenografica, focalizzando la vista verso una campagna idilliaca, animata dalla presenza placida e silenziosa di alcuni contadini, realizzati dal pittore in un grazioso e delicato realismo e armoniosamente inseriti in un contesto naturalistico, in cui emerge maestosa la silhouette del Colosseo e che si distende fino ai profili dei monti in lontananza.

Questo paesaggio evoca un mondo remoto, distante nel tempo e nello spazio dal centro della reale città di Roma, luogo in cui l’Anesi  visse quasi interamente la sua vita, fatta eccezione per un breve soggiorno a Firenze.