Pittura | Ottocento | Raoul Dufy | Veduta di Saint-Adresse | Descrizione opera

34 x 42 cm
Olio su tela
1930 ca.


Scheda opera

Veduta di Saint-Adresse

Raoul Dufy


Il dipinto

Cresciuto in una famiglia di modeste origini, il giovane Raoul si avvicinò alla pittura in maniera del tutto autodidatta, assieme al fratello Jean, di un anno più piccolo. Trasferitosi a Le Havre con tutta la famiglia, dovette subito cercare un lavoro di sostentamento permettendosi però di frequentare le  lezioni serali alla Scuola di Belle Arti della cittadina normanna. Folgorato dalle sperimentazioni fauve del giovane Henri Matisse, Raoul improntò fin da subito il suo stile su colorazioni forti, caratterizzati da un impasto fluido e su pennellate veloci. La passione per la pittura fu tale da divenire una vera e propria professione e nel 1903 riuscì finalmente ad esporre al Salon des Independants a Parigi per la prima volta mantenendo la sua presenza ininterrottamente fino al 1936. Nonostante i continui viaggi in Costa Azzurra, vero fulcro dei movimenti artistici francesi di inizio Novecento, Raoul Dufy mantenne sempre un forte legame con la propria terra d’origine ritornando spesso a visitare Le Havre e le altre città della Normandia, come appunto il piccolo centro costiero di Sainte-Adresse, raffigurato in questa piccola tela, in una veduta notturna del suo lungomare, preso dall’alto.