Pittura | Settecento | Benedetto Luti | Ritratto di fanciulla | Descrizione opera

43 x 33
Olio su tela


Scheda opera

Ritratto di fanciulla

Benedetto Luti


Il dipinto

Dipinto perfettamente distintivo della produzione di Benedetto Luti, un artista attivo a cavallo fra il XVII e il XVIII secolo. Fu un eccellente disegnatore, come si può constatare dalle sua produzione dominata dalla ritrattistica di cui ci ha lasciato numerose testimonianze, dedicandosi in particolare nella realizzazione di opere di piccole dimensioni.

Di origini fiorentine, dove venne iniziato alle arti nella bottega di Antonio Domenico Gabbiani, il Luti è successivamente documentato a Roma, quando rispose all’invito di Cosimo III de’ Medici, che ne ammirava le qualità di ritrattista a pastello. Nella città papale il maestro poté studiare il classicismo arcadico e ponderato di Carlo Maratti , da cui fu fortemente influenzato, come si può intuire dalle stesure morbide degli incarnati e dagli effetti di luce delle sue opere.

Inoltre sono documentati rapporti intercorsi con altri colleghi e in particolare con Ciro Ferri, al quale lo legò una profonda amicizia, interrotta solamente dalla morte prematura di quest’ultimo.

Durante la sua permanenza nella Città Eterna, Benedetto Luti raggiunse una buona popolarità fra i collezionisti romani e il clero; un successo che fu confermato anche dalla sua ammissione alla prestigiosa accademia di San Luca, che avvenne nel 1694.

A sostegno dell’attribuzione al Luti di questa piccola tela, c’è un piccolo disegno che raffigura la medesima composizione. L’opera, oggi conservata nella collezione della residenza Holkam Hall di Norfolk, in Inghilterra è databile attorno al 1716. Inoltre esiste un altro modello di questo ritratto che oggi si trova nelle collezioni della Galleria Palatina di Firenze, eseguito nel 1708, antecedente alla versione inglese di ben 8 anni. Le numerose repliche di questo soggetto, anche a distanza di anni, ci suggerisce che doveva trattarsi di un modello assai caro al Luti e probabilmente anche molto fortunato da un punto di vista commerciale.  Del resto, come accennato sopra, questo artista si rese celebre proprio grazie a questo tipo di ritrattistica di piccole dimensioni, di cui anche l’opera su tela qui presentata è un buon esempio.